INTRODUZIONE

Missione:

  • Eliminare in maniera definitiva le infiltrazioni;
  • Creare uno strato di coibentazione che permettesse di ottenere le detrazioni fiscali del 65% e che rispettasse il CPI (Certificato Prevenzione Incendi);
  • Prevedere una successiva installazione di evacuatori di fumo;
  • Creare una copertura duratura, che necessitasse manutenzione minima e che fosse completamente pedonabile.

Tipo di copertura montata: Copertura senza fori in Elysium Plus in alluminio naturale, lattonerie in alluminio, coibentazione in lana minerale dello spessore di 1.6 cm incombustibile e linea vita permanente di tipo indeformabile senza fori.

Dove: Pistoia, Toscana

Anno esecuzione lavori: 2019.

STORIA DEL CANTIERE

Il cliente ci contattò per la realizzazione di una nuova copertura per un fabbricato che sarebbe successivamente stato usato come deposito/magazzino di prodotti alimentari.

Il capannone in questione, risalente a metà degli anni ’80, aveva tuttavia una serie di problemi aggiuntivi che andavano risolti. Innanzitutto, il tetto, in lastre grecate metalliche, aveva una pendenza del 3,5%. Questa non era sufficiente a garantire una buona tenuta all’acqua piovana, e di conseguenza ciò creava un ulteriore problema: il tetto soffriva di infiltrazioni costanti, che il cliente ci chiese di arrestare in maniera definitiva.

Le situazioni da risolvere, tuttavia, non finivano qua. L’edificio, che come abbiamo detto sarebbe stato successivamente usato come magazzino per alimenti, non aveva nessun tipo di isolamento termico, e di conseguenza lo stabile arrivava a temperature eccessivamente alte per la corretta conservazione dei cibi.

FOTO: Nonostante la tipologia di copertura fosse adeguata, la pendenza non era sufficiente a garantire che facesse adeguatamente il proprio dovere.

vista dall'alto coperture industriali

Ovviamente il primo problema da risolvere, nella creazione di una nuova copertura, era l’eliminazione delle infiltrazioni, in quanto avrebbero eventualmente compromesso la corretta conservazione dei cibi.

La copertura doveva essere completamente pedonabile, doveva essere duratura ed avrebbe dovuto necessitare di poca manutenzione, così da tornarci sopra il meno possibile.

Inoltre, doveva essere coibentata al meglio, in modo da ottenere le detrazioni fiscali del 65%, e doveva rispettare il CPI (Certificato Prevenzione Incendi, un certificato che attesta che l’edificio è a prova antincendio). A tal proposito prevedemmo anche l’installazione di evacuatori di fumo.

Una volta rimossi gli strati della vecchia copertura, iniziammo il lavoro installando lo strato di coibentazione, ossia lana minerale in Euroclasse A1 (classificazione europea per materiali incombustibili e che non reagiscono al fuoco, come il vetro), dello spessore di 160 mm e con densità 9 km/m³, al fine di rispettare i carichi massimi che la struttura portante era in grado di tenere.

Dopodichè, posammo la copertura, ossia una senza fori in Elysium Plus, alluminio naturale dello spessore di 10/10 mm, con una pendenza minima garantita dello 0,5 %. Installammo evacuatori di fumo e di calore di dimensione 2,00 x 1,00 m, così da garantire che il tutto rispettasse il CPI, come richiesto dal cliente, lattonerie in alluminio, per risolvere in maniera definitiva le infiltrazioni, ed una linea vita permanente di tipo indeformabile senza fori, d’obbligo su tutte le nuove coperture.

FOTO: Lavori in corso. Le linee vita erano già installate, ma alcuni evacuatori di fumo erano ancora da installare.

montaggio di coperture industriali

DICE DI NOI IL CLIENTE

A lavoro finito chiediamo di rispondere a 5 cose ai nostri clienti:

  1. Una presentazione di se stesso.
  2. Di cosa aveva bisogno, per quale motivo ha deciso di rifare la copertura.
  3. Cosa è stato fatto.
  4. Differenze riscontrate tra prima e dopo l’esecuzione del lavoro.
  5. Se soddisfatto o no del nostro operato.

Ecco cosa dice di noi il sig. Massimo Pegoraro, titolare di DMP Distribuzione Materie Prime srl, clicca l’immagine per ingrandirla.

1

dichiarazione cliente coperture industriali

2

seconda parte di dichiarazione del cliente coperture industriali

GALLERIA