INTRODUZIONE

Missione

  • Bonificare completamente la copertura contenente cemento-amianto;
  • Rendere l’ambiente più vivibile isolando termicamente il tetto;
  • Installare una copertura duratura nel tempo.

Tipo di copertura montata: Copertura grecata in alluminio naturale, lastre dello spessore di 7/10 mm.

Quando: 2020.

Dove: Zola Predosa, Bologna, Emilia-Romagna.

Tempo di esecuzione: 3 settimane.

STORIA DEL CANTIERE

Il cliente in questione è un’azienda a Zola Predosa, in provincia di Bologna, specializzata nella produzione di cerniere per elettrodomestici e minuterie metalliche in genere.

La copertura oggetto dell’intervento era in realtà una sovra-copertura.
Partendo dallo strato superiore, si poteva trovare un manto in guaina bituminosa, composto a sua volta da in realtà più strati, al di sotto del quale si trovavano del polistirolo, ed infine lastre ondulate in cemento-amianto.

Il tetto era pedonabile, siccome al di sotto di tutto il pacchetto vi è un supporto strutturale per renderlo tale.

Durante gli anni sono stati stati effettuati diversi interventi di riparazione, sia sulle falde che nei canali di gronda, ma le continue e copiose infiltrazioni d’acqua negli ambienti di lavoro sottostante hanno fatto comprendere alla proprietà che fosse giunto il momento di realizzare una manutenzione completa straordinaria.

FOTO: La copertura in questione, prima del nostro intervento. Le zone scure sono le riparazioni fatte in passato.

tetto e smaltimento eternit

L’azienda aveva necessità di risolvere definitivamente e velocemente le problematiche riscontrate.

Visto che sotto i vari strati vi era anche il problema del cemento-amianto, si resero conto che tanto valeva fare una bonifica completa ed installare un nuovo manto di copertura.

Considerando che all’interno del capannone si svolge un’attività di produzione interna, dovevamo prevedere una buona coibentazione per isolare al meglio il tetto.

Per quanto riguardava il nuovo manto di copertura, ci era stato richiesto un prodotto di buona qualità, di lunga durata nel tempo, contenendo i costi visto che l’intervento sarebbe stato effettuato su una superficie attorno ai 1.200m².

FOTO: Dalla foto si possono vedere gli strati del tetto. Guaina sopra, polistirolo sotto.

bonifica e smaltimento eternit tetto

La bonifica di una sovra-copertura in guaina é sempre molto complicata, poiché separare gli strati impermeabilizzanti dal polistirolo richiede tempo, e spesso i due materiali non si riescono a dividere agevolmente, senza contare che finché non si inizia a scoprire la copertura non é mai possibile sapere quanti strati di guaina sono stati posati nel tempo.

Una volta bonificato l’intero pacchetto di copertura siamo passati all’installazione del nuovo telaio di supporto, per poi passare alla posa dello strato di coibentazione in lana minerale dello spessore di 80mm.

Per quanto riguarda il nuovo manto di copertura, la scelta è ricaduta su lastre grecate in alluminio naturale dello spessore di 7/10 di mm, ossia lastre specifiche per coperture industriali e molto durature nel tempo, poiché fatte in un materiale che non teme l’ossidazione.
Con lo stesso materiale abbiamo realizzato i canali di gronda.

È stata fornita particolare attenzione allo studio della realizzazione dei cambi di pendenza ed ai raccordi tra le falde, i torrini e gli shed, siccome l’acqua raccolta dalle falde trova una vera e propria barriera che ferma l’acqua. Sono quindi punti molto critici e che bisogna realizzare a regola d’arte per evitare infiltrazioni importanti negli ambienti sottostanti.
Per questo motivo sono state realizzate su misura apposite converse e scoli che permettono di far defluire l’acqua piovana nella maniera corretta.

FOTO: La nostra opera, finita. Il tramonto ovviamente abbellisce la foto.

nuova copertura dopo smaltimento eternit

GALLERIA

RISULTATO

Risultato:

  • Bonificare completamente la copertura contenente cemento-amianto: FATTO. Abbiamo rimosso in maniera definitiva tutto il pacchetto della copertura precedente, incluso il cemento-amianto sepolto sotto la guaina.
  • Rendere l’ambiente più vivibile isolando termicamente il tetto: FATTO.
  • Installare una copertura duratura nel tempo: FATTO. L’alluminio, materiale utilizzato sulla copertura, non teme ossidazione, rendendo il tetto realizzato resistente alle intemperie e molto duraturo.